prof. dott. Antonino Romano allergologo
  Ricerca
credits - c.m.s.
 
reazioni immediate a farmaci

Diagnostica delle reazioni immediate a farmaci.

In questo campo ha studiato pazienti con reazioni ad antibiotici (penicilline, cefalosporine aminoglicosidi ecc.), farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), mezzi di contrasto iodati, anestetici, anticonvulsivanti ecc., facendo uso di metodiche in vivo e in vitro. Ha anche elaborato protocolli diagnostici che comportano l'impiego di test cutanei, dosaggio delle IgE specifiche sieriche (con metodiche del commercio, con prototipi sperimentali della Phadia, Uppsala, Svezia e con la tecnica del sefarosio epossi-attivato), studi di RAST-inibizione, test di attivazione dei basofili in citometria a flusso e test di esposizione controllata. Tali protocolli hanno consentito di diagnosticare reazioni da ipersensibilità a betalattamici e altri farmaci. Per quanto riguarda i primi, in particolare le cefalosporine, i protocolli utilizzati hanno anche permesso di caratterizzare quadri di cross-reattività con composti della stessa classe oppure di una classe differente e individuare casi di allergia selettiva a singole molecole.

Ha inoltre messo a punto un protocollo di profilassi per la somministrazione in sicurezza di cefalosporine a pazienti con accertata ipersensibilità IgE-mediata a penicilline; tale protocollo è stato pubblicato nel 2004 su Annals of Internal Medicine, rivista ufficiale dell'American College of Physicians (pubblicazione n. 109). Per questa competenza è stato chiamato a far parte di un gruppo di lavoro nell'ambito del Committee on Adverse Reactions to Drugs and Biological Agents dell'AAAAI. Tale gruppo ha elaborato il documento "Cephalosporin administration to patients with a history of penicillin allergy" che è stato approvato dal Board dell'AAAAI e posto nel sito web  il 12 maggio 2009.

Ha altresì dimostrato che - contrariamente a quanto ritenuto in passato sulla base dei risultati di un singolo studio - la cross-reattività fra penicilline e carbapenemi (imipenem, meropenem) è molto limitata (inferiore all'1%). Analogamente a quanto fatto con le cefalosporine, ha messo a punto protocolli per la somministrazione in sicurezza dei suddetti carbapenemi ad adulti e bambini con ipersensibilità IgE-mediata a penicilline.

Tali protocolli sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine, su Annals of Internal Medicine, su Allergy, rivista ufficiale dell'EAACI e su Journal of Allergy and Clinical Immunology, rivista ufficiale dell'AAAAI.

Ha inoltre studiato alcuni determinanti genetici, quali i polimorfismi di tipo SNP (single nucleotide polymorphism) nei pazienti con ipersensibilità IgE-mediata a betalattamici, dimostrando che alcuni polimorfismi di IL-13, IL-4RA e TNF-α costituiscono fattori di rischio per tale ipersensibilità.